«Ciao maschio»

Immagine: 
Volto, potere e identità dell'uomo contemporaneo
23/06 - 14/11/2021
Galleria d'Arte Moderna

Grazie all’esclusivo filtro dei diversi linguaggi dell’arte la mostra descrive l’evoluzione della rappresentazione e del ruolo dell’uomo contemporaneo nella società e l’influenza che questi cambiamenti hanno avuto sulle arti, in particolare dalla seconda metà degli anni Sessanta fino al presente periodo post-ideologico.

L’esposizione presenta oltre 100 opere, tra dipinti, sculture, grafica, fotografia, film d’arte e sperimentali, video, video-performances e installazioni, di cui molte mai esposte prima o non esposte da lungo tempo, provenienti in parte dalle collezioni d’arte contemporanea capitoline – Galleria d’Arte Moderna, Museo di Roma a Palazzo Braschi, collezione d’arte contemporanea di Sovrintendenza al MACRO, CRDAV Centro Ricerca e Documentazione Arti Visive – oltre che dal MAXXI, dal Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, da UniCredit SpA, da Fondazioni e archivi d’artista, da altre istituzioni pubbliche e private.

La mostra va oltre un semplicistico e monolitico tema legato alla “concezione di mascolinità”, mettendo in luce le problematiche e i contrasti interni alla costruzione “plurale” dell’arte relativa alla figura maschile, riflettendo anche sulla dimensione politica dei corpi o, ancora, soffermandosi sulla natura intermediale e identitaria di questi stessi.
Come nel film del 1978 diretto da Marco Ferreri, vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria al 31º Festival di Cannes e di cui volutamente la mostra cita il titolo, anche in una sorta di omaggio al grande regista italiano, l’esposizione si sviluppa per sequenze tematiche, che delineano attraverso l’arte il volto, il potere e l’identità maschile nel loro divenire sociale e politico, dalla fine dell’Ottocento fino al nostro XXI secolo. All’estrema metafora di Ferreri, nel suo continuo congegno di esplorazione della crisi maschile contemporanea, si rende omaggio in mostra con la proiezione del film d’arte di Mario Schifano Ferreri.
La mostra si apre con una installazione urbana site specific della street artist Pax Paloscia intitolata Contemporary Gods, creata su uno dei temi portanti della sua ricerca iconografica, l’adolescenza maschile intesa come fase di passaggio, transizione, caratterizzata da intensi cambiamenti psicofisici così come fisici. Tele dipinte e fotografie che s’incontrano/scontrano con la fisicità femminile, rappresentata dalla scultura Bagnante (1934) di Marino Marini.

Le sezioni della mostra prendono avvio da IL VOLTO DEL POTERE, una vera e propria installazione di opere che copre un’intera sala del museo, costruita come una “invadente” carrellata di volti e corpi maschili sul potere.
Specifico focus sarà dedicato a IL VOLTO DEL TERRORE, con i ritratti ufficiali di tre dittatori – Hitler, Mussolini, Stalin – simboli emblematici del terrore del Novecento e memoria viva della violenza sui popoli.
Altra sezione della mostra è dedicata a IDENTITÀ MASCHILE a partire dalla millenaria cultura che troppo spesso ha inciso sulla educazione e che l’arte ha ben evidenziato e rappresentato nei decenni con l’elaborazione di opere sulla guerra e sulla violenza dell’uomo sull’uomo, sulla famiglia intesa nelle diverse forme e possibilità così come sul tema della bellezza e dell’autocoscienza del Sé.
Una sezione è dedicata a CULTO DEL CORPO ED ETICA DELLO SPORT, nella ricerca di quello che potremmo considerare “un altro corpo”, soprattutto dalla seconda metà del Novecento, anche in relazione al genere non-binario o genderqueer e all’identità di genere. Temi d’indagine fondamentali del nostro secolo.
Nell’incontro fra le esigenze di ricerca e quelle di analisi del soggetto/oggetto “maschio” non potevano mancare gli UOMINI VISTI DA DONNE, l’altro sguardo sull’uomo contemporaneo, nel nostro caso attraverso l’obiettivo di fotografe e lo sguardo di artiste italiane del secondo Novecento.
Chiude la mostra un’altra installazione urbana, Till Death Tears Us Apart (2017), di uno dei più famosi urban artist americani, Mark Jenkins, realizzata in collaborazione con Wunderkammern Gallery. Provocatoria ricerca di una sorta di “fine assoluta” dell’uomo. L’installazione di Jenkins è drammatica e destabilizzante, ma anche coinvolgente e surreale nella sua struttura iper-realistica, soprattutto perché inserita in uno spazio museale, fuori da un classico luogo di vita quotidiano.
In mostra anche una rassegna di film d’arte intitolata «UN SUPERMASCHIO», realizzata con il Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale, in collaborazione con il CSC - Archivio Nazionale Cinema Impresa, curata da Annamaria Licciardello (Cineteca Nazionale), e dedicata al cinema sperimentale italiano degli anni Sessanta-Settanta, attraverso il quale s’intende indagare il “super-Io” filmico maschile di questo periodo.

La mostra è accompagnata da un catalogo (Gangemi editore) con saggi inediti di: Arianna Angelelli, Ritanna Armeni, Claudio Crescentini, Alessandra Grandelis, Mark Jenkins, Annamaria Licciardello, Francesca Lombardi, Andrea Minuz – con intervento di Anselma Dell’Olio, Alex Pagliardini, Federica Pirani, Fiorenza Taricone e Daniela Vasta.

A corollario della mostra, nel periodo settembre-ottobre, sono organizzati eventi, incontri e reading all’aperto, nel chiostro-giardino della GAM e alla Casa del Cinema, nel tentativo di ampliare lo sguardo tematico verso altre forme di linguaggi artistici, con interventi a più voci che spaziano dalla poesia alla letteratura, dall’azione al teatro.

ARTISTI IN MOSTRA
Claudio Abate, Vito Acconci, Valerio Adami, Franco Angeli, Giacomo Balla, Gianfranco Baruchello, Mirella Bentivoglio, Vinicio Berti, Umberto Bignardi, Tomaso Binga, Felice Carena, Lisetta Carmi, Elisabetta Catalano, Claudio Cintoli, Gino De Dominicis, Giorgio de Chirico, Agnese De Donato, Willem De Kooning, Shepard Fairey, Flatz, Rosa Foschi, Franco Gentilini, Gilbert & George, Guerrila Girls, Alberto Grifi, Renato Guttuso, Mark Jenkins, Alfredo Leonardi, Carlo Levi, Sergio Lombardo, Urs Luthi, Renato Mambor, Carlo Maria Mariani, Fabio Mauri, Alessandra Mercadini, Ugo Nespolo, Luigi Ontani, Pax Paloscia, Pino Pascali, Luca Maria Patella, Giuseppe Penone, Anders Petersen, Lamberto Pignotti, Cristiano Pintaldi, Fausto Pirandello, Michelangelo Pistoletto, Gerhard Richter, Piero Sadun, Franco Sarnari, Giulio Aristide Sartorio, Howard Schatz, Mario Schifano, Toti Scialoja, Scipione, Gino Severini, Cesare Tacchi, Tato, Paolo Ventura, Francesco Vezzoli, Andy Warhol, Erwin Wurm, Alba Zari e altri.

Informazioni

Luogo
Galleria d'Arte Moderna
Orario

Dal 23 giugno al 14 novembre 2021
dal martedì alla domenica 10.00-18.30
ultimo ingresso mezz'ora prima della chiusura

Chiuso il lunedì

CONSULTARE SEMPRE LA PAGINA AVVISI prima di programmare la visita al museo.

Biglietto d'ingresso

Consultare la pagina: Biglietti

Informazioni

Tel. 060608 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00)

Promossa da
Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali 
In collaborazione con
Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale
Organizzazione
Zètema Progetto Cultura

Tipo
Mostra|Arte Contemporanea
Giorni di chiusura
Lun
Curatore
Arianna Angelelli e Claudio Crescentini

Sala stampa

20210624
1008752
Claudio Abate/Pino Pascali, Pascali e il cannone, 1965, fotografia da azione, Roma, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali
Galleria d'Arte Moderna -

piattaforma Google Suite

24/06/2021
Didattica per tutti

Eventi correlati

20210914
1009267
Galleria d'Arte Moderna
14/09 - 15/10/2021
Evento|Lettura, Evento|Incontri
20210623
1009176
Galleria d'Arte Moderna
23/06 - 14/11/2021
Evento|Festival e Rassegne
20210930
1009296
Carlo Maria Mariani, Autonuca, 1972, olio su tela
Galleria d'Arte Moderna
30/09/2021
Didattica per tutti
20210831
1009235
Galleria d'Arte Moderna
31/08/2021
Didattica per tutti
20210727
1009122
Galleria d'Arte Moderna
27/07/2021
Didattica per tutti
20210624
1008752
Claudio Abate/Pino Pascali, Pascali e il cannone, 1965, fotografia da azione, Roma, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali